• Home

Progetti realizzati

Apr28

Alfie: Coordinamento minori, Children Protection World Onlus

Categorie // Progetti realizzati

Un omicidio legalizzato!!!

(AGI) - Roma, 28 apr. - "La morte del piccolo Alfie Evans altro non è che un omicidio legalizzato da una legge vergognosa che la Corte Britannica ha applicato in base ad una richiesta dei medici perchè la scienza è incapace di intervenire per curare bambini affetti da malattie rare. La Corte Suprema non è nuova nell'assecondare le richieste dei medici, è ancora vivo dentro di noi il ricordo del piccolo Charlie Gard ed è con grande e immenso dolore che tutti noi siamo addolorati e al tempo stesso vicini ai genitori del piccolo Alfie".

Ad affermarlo è Aurelia Passaseo, presidente del Ciatdm (Coordinamento Internazionale per la Tutela dei Diritti dei Minori) e vice presidente di Children Protection World onlus. "Oggi non è il giorno delle polemiche - continua Passaseo - è il giorno delle preghiere per un nuovo angelo volato in cielo e che resterà nei nostri cuori. Certo, siamo tristi e a gran voce gridiamo: basta esautorazione della potestà genitoriale per porre fine alla vita di tanti bimbi sfortunatamente affetti da malattie rare. Il medico ha il dovere di curare e tenere in vita le persone non di dare loro la morte. Con l'amaro in bocca e la tristezza nel cuore - conclude Passaseo - ci domandiamo se leggeremo ancora notizie di omicidi di bambini legalizzati. Noi speriamo mai più e che la comunità che ieri piangeva Charlie Gard ed oggi piange Alfie Evans riesca a scuotere le coscienze di tutti coloro che decidono e scrivono leggi che determinano la vita e la morte di un essere umano". (AGI)

Mag19

L'intervista al Presidente Paolo Colleoni

Categorie // Progetti realizzati

CHILDREN PROTECTION WORLD ONLUS, IL PRES. COLLEONI: SENSIBILIZZAZIONE E ASSISTENZA CONTRO DISCRIMINAZIONI

Di Monica Gasbarri – In una realtà come quella contemporanea, sempre più complessa e articolata, si sono moltiplicati purtroppo, gli episodi di violenza, discriminazione, abusi che hanno per protagonisti i soggetti più deboli della nostra società: i minori e in particolare i bambini. Per questo rivestono sempre maggiore importanza tutte quelle associazioni Onlus che si preoccupano di fornire, senza alcun fine di lucro, un supporto – logistico, legale sanitario – a scuole, istituzioni locali e soprattutto alle vittime.

ha intervistato Paolo Colleoni, Presidente dell’Associazione Children Protection World Onlus, operante proprio in questo ambito. Ci ha raccontato come è nato il suo progetto e come si articolerà nell’immediato futuro.

Presidente, come nasce l’Associazione Children Protection World Onlus?

Children Protection World Onlus nasce da una mia idea e dal confronto con altre persone che avevano avuto esperienze simili alle mie nell’ambito dell’associazionismo e del volontariato. Per molti anni mi sono occupato di investigazioni di Polizia Giudiziaria come Perito e Consulente Penale, attività che svolgo tuttora e ho seguito attivamente la diffusione dei fenomeni come maltrattamenti e abusi, oltre che della pedofilia sul web. Dall’osservazione di questa realtà e dalla volontà di intervenire a sostegno di tutte le vittime di tali reati, è nata la nostra iniziativa: partita come un semplice blog di informazione www.childrenprotectionworld.blogspot.it assieme al Sig. Ennio De Bernardin è poi diventata una associazione a tutti gli effetti con la presenza di un sito web www.childrenprotectionworld.org e di pagine su social network come “twitter e facebook“. Dal momento che le strutture per l’infanzia e per il sostegno psicologico a livello sanitario locale non sono molto diffuse, o in ogni caso non possono fornire un servizio di continuità ai propri pazienti, l’intenzione è quella di collaborare con le Asl, con le scuole, con le istituzioni locali e con la nostra rete di professionisti con adeguata preparazione in merito, per colmare questo vuoto.

  Quali sono gli obiettivi dell’associazione?

  La nostra associazione si occupa di segnalare alle Autorità Giudiziarie violenze e   abusi su minori, disabili e donne, combattendo ogni tipo di emarginazione e discriminazione sociale e di poter dare un futuro migliore agli stessi tramite le nostre iniziative e i nostri progetti. Il nostro obiettivo è quello di operare su due differenti fronti; il primo è quello fondamentale della prevenzione e della sensibilizzazione, fornendo un sistema di sostegno gratuito orientato e specifico alle famiglie ed ai soggetti più deboli, il secondo invece è quello di creare una sinergia fra altri enti che si occupano di problematiche simili, al fine di occuparci esclusivamente di una sola cosa “combattere le violenze e gli abusi sui minori e sui soggetti più deboli”. Su un piano operativo, Children Protection World Onlus è impegnata nel fornire assistenza e nel creare una rete a scopo benefico di supporto logistico, preventivo e psicologico per le vittime di discriminazioni e violenze. Vorremmo lavorare, quindi, sia per sensibilizzare che per aiutare a denunciare: nell’80% dei casi la violenza avviene sempre entro le mura domestiche e per questo è importate fornire anche un supporto legale gratuito.

Da un punto di vista operativo, quali sono i prossimi progetti?

Attualmente stiamo avviando dei protocolli d’intesa con il Ministero dell’Interno e dell’Istruzione per porci come ente intermediario ufficialmente riconosciuto, che possa operare a stretto contatto con le Autorità Giudiziarie e per poter mettere in atto strategie al fine di eludere e contrastare fenomeni come “violenze, abusi, uso e detenzione di sostanze stupefacenti” che riguardano i minori. Ci occupiamo di discriminazioni di ogni tipo, e di ogni tipo di emarginazione, abuso e violenza. Tra i nostri obiettivi a livello operativo c’è la partecipazione a progetti organizzati dalle Regioni con realizzazione di raccolte fondi o altre iniziative tipiche dell’associazionismo e delle Onlus. Inoltre a breve partiranno dei lavori per la realizzazione di strutture per disabili, con la collaborazione di enti a livello internazionale.

Come si inserisce Children Protection World nel contesto delle altre Onlus già operanti sul territorio?

L’obiettivo è quello di aiutare: in Italia esistono già grandi realtà che non si fanno concorrenza tra loro. Purtroppo questo accade piuttosto tra le piccole Onlus; quello che noi vorremmo realizzare è la collaborazione e l’accordo con altre associazioni operanti nello stesso ambito, per portare avanti insieme progetti complessi che possono godere del sostegno logistico di più realtà, nell’ottica di una condivisione di traguardi unitari.

vai all'intervista... => http://www.clandestinoweb.com/home-archiviazione/interviste-number-news/107719-children-protection-world-onlus-il-pres-colleoni-sensibilizzazione-e-assistenza-contro-discriminazioni/

Giu30

Stati Generali Tutela Minori Online

Categorie // Progetti realizzati

Stati Generali Tutela Minori Online

Minori in Rete? Stavolta si fa sul serio, cominciando con il censimento capillare di chi se ne sta occupando perché il nemico da battere è terribile e solo con uno sforzo corale se ne può immaginare la soluzione.

Sono nati così gli “Stati Generali della tutela dei minori online”, a cui noi abbiamo aderito, una sorta di conclave cui prenderanno parte associazioni ed esperti che in questi anni hanno concentrato la loro attenzione sui tanti, forse troppi problemi che Internet ha innescato nel contesto sociale.

L’obiettivo di rendere Internet un luogo più sicuro per i minori è stato ritenuto raggiungibile facendo ricorso a due distinte vie: filtri e programmi di controllo, da un lato, e interventi formativi, dall’altro.

A quest’ultimo proposito c’è stato un invito esplicito – nel corso dell’ultimo meeting della CEO Coalition (che include i Presidenti delle principali imprese nel contesto continentale) – ad avviare processi di  carattere educativo.

Prendendo spunto da questa sollecitazione, Telecom Italia si è fatta promotrice – per tramite della propria Direzione Iniziative e Progetti Speciali – degli “Stati Generali della tutela dei minori online”.

[12  >>  
© Children Protection
World Onlus

via Capecelatro n. 53\4
20148 Milano
C.F.97651690154

Contatti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Credits: WAHE hypermedia